APPARATO GENITALE MASCHILE

L’apparato genitale maschile è l’insieme di strutture anatomiche e organi che, nell’uomo, svolgono tutti i ruoli legati alla riproduzione sessuale e alla produzione degli ormoni sessuali maschili.

L’apparato genitale maschile comprende:

       Pene;

       Scroto;

       Due testicoli;

       Prostata;

       Due epididimi;

       Due dotti deferenti;

       Due vescicole seminali;

       Due ghiandole bulbo-uretrali.

 

Pene

Il pene è un organo visibile dall’esterno del corpo dell’uomo, è di forma cilindrica ed è ricoperto di pelle.

Si divide in:

       Radice, ovvero la parte che collega il pene al pube;

       Asta o corpo, è la porzione centrale e più lunga, formata da corpi cavernosi, corpo sponginoso e arterie cavernose responsabili dell’erezione. Al suo interno è posta l’uretra (che fa parte dell’apparato urinario) che serve per lo svuotamento della vescica;

       Il glande è la porzione terminale del pene, a forma di cupola, è ricoperto da una parte di pelle chiamata prepuzio.

Il pene svolge sia una funzione urinaria sia la funzione sessuale di immettere il liquido seminale nella vagina della donna.

 

Scroto

Lo scroto è situato sotto la radice del pene ed è una sacca cutanea in cui sono posti i testicoli, gli epididimi e i dotti deferenti.

Il ruolo fondamentale dello scroto è quello di garantire la temperatura ottimale agli organi e ghiandole preposti alla produzione degli spermatozoi.

 

Testicoli

I testicoli, contenuti nello scorto, sono le due gonadi maschili, sono di forma ovale e fanno parte degli organi sessuali primari.

I testicoli svolgono due funzioni molto importanti:

       La spermiogenesi, cioè la produzione degli spermatozoi, ovvero i gameti maschili che servono a fecondare l’ovocita femminile;

       Producono il testosterone, un ormone fondamentale nella spermiogenesi e per la maturazione dei caratteri sessuali maschili.

 

Prostata

La prostata è chiamata anche ghiandola prostatica, è situata sotto la vescica e davanti al retto.

La prostata è l’organo preposto alla produzione e all’immagazzinamento del liquido seminale, che viene rilasciato successivamente tramite l’eiaculazione.

 

Epididimi

Gli epididimi sono due condotti dalla forma a spirale ricoperti da tessuto connettivo, la loro funzione è quella di collegamento di ognuno dei testicoli al dotto referente corrispondente.

Anatomicamente sono composti da:

       Testa espansa, ovvero la parte iniziale, direttamente collegata ai testicoli;

       Corpo, ovvero la parte centrale;

       Coda, ovvero la parte finale, direttamente collegata ai dotti deferenti.

Questi condotti permettono la maturazione degli spermatozoi, poiché questi ultimi restano al loro interno dalle 18 alle 24 ore acquisendo la capacità di movimento necessaria per raggiungere l’ovocita femminile una volta immessi nell’apparato genitale femminile.

 

Dotti deferenti

I dotti deferenti (chiamati anche dotti spermatici) sono due canali lunghi circa 30 centimetri, che congiungono ognuno un epididimo al dotto eiaculatorio corrispondente.

Quindi, ogni dotto deferente mette in comunicazione le vescicole seminali alla sezione prostatica dell’uretra.

 

Vescicole seminali

Le vescicole seminali sono due ghiandole esocrine di forma tubolare e raggomitolata posti nella pelvi, dietro e sotto la vescica e al lato dei dotti deferenti.

Entrambe le vescicole seminali hanno un dotto per la secrezione di una sostanza vischiosa che, con altre sostanze e gli spermatozoi, compone lo sperma.

 

Ghiandole bulbo-uretrali

Le ghiandole bulbo-uretrali sono situate vicino alla sezione membranosa dell’uretra maschile, si tratta di due ghiandole esocrine collegate tramite dei dotti escretori all’uretra.

La loro funzione è quella di produrre una delle sostanze sostanza che compongono lo sperma.

 

Gli ormoni sessuali maschili

Gli ormoni sessuali maschili sono chiamati androgeni e influenzano i caratteri sessuali secondari dell’uomo a partire dalla pubertà, ovvero:

       La crescita di testicoli, prostata e pene;

       Rafforzamento della muscolatura e allargamento delle spalle;

       Accrescimento del pomo d’Adamo e cambio della voce;

       Comparsa della barba e dei peli su tutto il corpo.


Filippo

Fermarsi significa retrocedere.

ajax-loader