STABILIZZAZIONE PRECARI SANITÀ: TUTTE LE NOVITÀ DEL 2021

C’è tempo fino al 31 dicembre 2021 per i precari della Sanità che vogliono maturare mesi di lavoro utili per ottenere la stabilizzazione: così dice il Decreto Milleproroghe 2021, che prolunga una scadenza prima fissata al 31 dicembre 2020.

In sostanza, buone notizie per tutti gli infermieri, ostetrici e OSS che lavorano o hanno lavorato da precari per il Sistema Sanitario Nazionale: per chi possiede i requisiti, è in arrivo un contratto a tempo indeterminato!

Cos’è la stabilizzazione dei precari della sanità

Si tratta dell’assunzione a tempo indeterminato di precari che hanno lavorato nella Sanità per un determinato periodo di tempo.

Questa misura era già in vigore ben prima del Covid, per premiare l’anzianità di servizio di alcuni lavoratori con determinati requisiti: queste persone ottengono la possibilità di una posizione lavorativa a tempo indeterminato e indefinito.

Quindi, non subiranno più Il rischio di non vedere riconfermato il contratto, o di finire disoccupati dopo mesi di duro lavoro.

 

Chi può richiedere la stabilizzazione

Possono richiedere la stabilizzazione

     OSS

     Medici e infermieri

     Personale sanitario e amministrativo

     Dirigenti.

Il requisito fondamentale per gli operatori OSS è aver lavorato nel Sistema Sanitario Nazionale per un periodo di tempo di almeno 36 mesi, anche non continuativi, negli otto anni precedenti al nuovo termine.

Esempio

Se un lavoratore OSS ha fatto un anno di lavoro nel 2014 con un contratto a tempo determinato, poi ha passato 3 anni da disoccupato, e infine ha lavorato in modo discontinuo dal 2018 al 2021 per un totale di 36 mesi di lavoro, allora può richiedere la stabilizzazione.

Importante!

Si possono conteggiare diverse tipologie di contratto oltre al tempo determinato, quindi anche i CoCoCo e i contratti di libera professione.
L’importante è che riguardino la stessa attività e lo stesso inquadramento professionale.

Come si accede alla stabilizzazione

Ci sono due modi principali per ottenere questa stabilizzazione per i precari della Sanità:

 

1)     Stabilizzazione diretta o “immediata”

Si risponde a un avviso pubblico per la stabilizzazione di personale OSS, mandando un’istanza.

Mi raccomando, ricordate che gli avvisi pubblici non sono bandi di concorso e non prevedono valutazioni o test! Si tratta, in poche parole, di un’assunzione diretta.

2)    Stabilizzazione indiretta

L’operatore sanitario precario può sottoporsi a un concorso pubblico per la stabilizzazione, dove il 50% dei posti disponibili è riservato per la stabilizzazione dei precari con 36 mesi di servizio negli ultimi 5 anni.

 

Se la struttura ha a disposizione del personale precario da stabilizzare, ma decide comunque di bandire un concorso pubblico, deve motivare la propria decisione.

Ogni quanto escono queste stabilizzazioni?

Una domanda legittima, soprattutto per chi è all’inizio del suo percorso di OSS e ancora non ha maturato gli anni utili per essere stabilizzato.

Le stabilizzazioni sono una procedura “una tantum”, cioè vengono stabilite dalla politica una volta ogni tanto.
Per quanto riguarda questa stabilizzazione, come abbiamo detto si possono maturare gli anni utili fino al 2021. Invece, per le aziende sanitarie è possibile o indire concorsi per la stabilizzazione, o pubblicare avvisi pubblici, fino al 31 dicembre 2022.

Purtroppo non abbiamo modo di sapere quando sarà la prossima stabilizzazione.

 

Hai i requisiti per la stabilizzazione o pensi di maturarli a fine 2021?

Rimani aggiornato sulle disposizioni della tua Regione e verifica gli avvisi pubblici per la stabilizzazione diretta!

Se vuoi approfondire l’argomento con tutti i riferimenti normativi, consiglio la lettura dettagliata degli articoli di legge a questo link.

 

Non mi resta che augurare buona fortuna a tutti quelli che iniziano un percorso di stabilizzazione. Dopo tre anni di lavoro, direi che ve lo siete guadagnato al 100%. 

❤️ Se ti è piaciuto questo link mettimi un Like


Filippo

Fermarsi significa retrocedere.

ajax-loader