ANISOCORIA

Per anisocoria si intende una disuguaglianza di diametro tra le due pupille, di misura uguale o superiore a 0.4 mm e inferiore a 1 mm.

L’anisocoria può essere semplicemente un’anomalia fisiologica senza altri sintomi e non causata da alcuna patologia oppure può essere il sintomo di una patologia grave, a cui bisogna prestare subito attenzione e le adeguate cure mediche.

Le cause più frequenti di anisocoria sono disfunzioni neurologiche o iridee ma può essere causata anche da traumi cranici o oculari, da difetti iridei congeniti, da patologie che portano a restringimento o dilatamento della pupilla e, a volte, anche da alcuni farmaci e altre sostanze.

 

Sintomi e cause

Solitamente l’anisocoria, a parte la differenza di dimensione tra le due pupille, non ha altri sintomi legati ad essa, poiché i sintomi che si presentano dipendono dalla patologia che l’ha causata.

Quindi, l’anisocoria non è una patologia in sé, ma può essere un sintomo di una patologia più grave su cui indagare con tempestività.

Le cause più pericolose dell’anisocoria possono essere:

       Tumore al cervello;

       Meningite;

       Forte trauma cranico;

       Aneurisma cerebrale.

In generale, le patologie in cui si verifica l’anisocoria sono diverse:

       Sindrome di Horner: è una patologia che ha origine da un’anomalia di trasmissione nervosa tra i muscoli oculo-facciali di un solo lato del viso e il cervello ed è caratterizzata da miosi persistente, anidrosi e ptosi della palpebra.

Nello specifico, la miosi persistente è quando il diametro della pupilla resta ristretto anche al buio; l’anidrosi è l’incapacità di secernere sudore in metà del volto o in una sua parte; la ptosi è quando la palpebra è calante totalmente o parzialmente.

       Paralisi del nervo oculomotore, che può essere causata da aneurisma cerebrale, tumore cerebrale, trauma cranico e ischemia con danni al nervo oculomotore;

       Anisocoria meccanica, ovvero quella causata da traumi oculari, come contusioni a un occhio, infiammazioni oculari e operazioni chirurgiche alla cataratta.

Questi traumi, infatti, possono provocare l’aderenza tra la parte anteriore del cristallino e la parte posteriore dell’iride influenzando così le funzionalità di dilatazione e restringimento della pupilla dell’occhio che ha subito il trauma;

       Meningite: un’infiammazione delle meningi e/o del liquor (il fluido cerebrospinale) che rivestono midollo spinale e cervello. È causata da virus, batteri, lupus eritematoso sistemico, sarcoidosi, ecc.

       Sindrome di Adie, chiamata anche pupilla tonica di Adie: è una patologia neurologica contraddistinta da una pupilla che risponde più lentamente agli stimoli luminosi, ovvero che si dilata o restringe in tempi più lunghi del normale.

L’anisocoria, in alcuni casi, può essere provocata anche da emicrania ed epilessia.

Inoltre, circa il 20% delle persone sane, ovvero che non presentano alcuna patologia nervo-oculare e che non assumono farmaci che possono causare anisocoria, hanno una disuguaglianza marcata tra le due pupille, stimata tra 0.4 mm e 1 mm. Tale caratteristica è definita anisocoria fisiologica.

I farmaci che possono provocare l’anisocoria possono essere la scopolamina (un alcaloide), il destrometorfano (un farmaco per il trattamento della tosse) e alcuni colliri contenti tropicamide o pilocarpina, la prima è una sostanza che dilata le pupille, mentre la seconda le restringe.

Altre sostanze che possono provocare l’anisocoria sono alcune droghe come la cocaina e l’ecstasy.

L’anisocoria è un sintomo delle patologie sopra esposte quando si associa a uno o più dei seguenti sintomi:

          forte mal testa;

          sensibilità alla luce;

          crisi epilettiche;

          palpebra calante;

          nausea;

          torcicollo;

          febbre;

          visione offuscata o doppia;

          confusione;

          perdita della vista;

          midriasi marcata, ovvero la dilatazione della pupilla avviene anche al buio.

 

Diagnosi e terapia

Quando l’anisocoria si verifica all’improvviso o in seguito a un trauma cranico e in associazione con un forte mal di testa è meglio contattare subito il proprio medico per effettuare una visita.

Quando, in caso di anisocoria fisiologica, si verifica un peggioramento della disuguaglianza di diametro tra le pupille o si avverte uno o più dei sintomi associati ad altre patologie che abbiamo visto alla fine del paragrafo precedente, è meglio farsi visitare da un medico.

Per la diagnosi, il medico, oltre a chiedere al paziente quali sintomi presenta, potrà effettuare altri esami quali:

          emocromo completo;

          esami del sangue particolari, ovvero test della proteina C reattiva, formula leucocitaria e VES (velocità di eritrosedimentazione). Questi esami sono utili in caso di infiammazioni oculari e meningite;

          test dei colliri, ovvero somministrazione di diversi colliri per valutare la reazione delle pupille, test utile a verificare la presenza di Sindrome di Horner;

          TAC, RMN e raggi X alla testa, per verificare la presenza di tumore al cervello, aneurisma cerebrale, trauma cranico, danni al nervo oculomotore e sindrome di Adie;

          Puntura lombare e analisi del liquido cerebrospinale, per verificare la presenza di meningite o altre infiammazioni delle meningi.

Le terapie per l’anisocoria sono quelle mirate per curare la patologia che l’ha causata.

Mentre l’anisocoria fisiologica non richiede alcuna terapia.

Canale WhatsApp Per OSS

Riceverai aggiornamenti su concorsi pubblici (RSA escluse), notizie e suggerimenti. Sei nuovo nel settore?. Costruiamo insieme il tuo futuro!